fbpx
Celtic Publishing Celtic Publishing
Celtic Publishing

Marchio specializzato nelle lingue straniere


Vai su Celtic Publishing
Il Mulino a Vento Il Mulino a Vento
Il Mulino a Vento

Collana di narrativa scolastica di grande prestigio


Vai su Il Mulino a Vento
Raffaello Ragazzi Raffaello Ragazzi
Raffaello Ragazzi

Libri attivi, cartonati d’autore e romanzi


Vai su Raffaello Ragazzi
Raffaello Digitale Raffaello Digitale
Raffaello Digitale

Prodotti interattivi e multimediale per la scuola


Vai su Raffaello Digitale
Raffaello Bookshop Raffaello Bookshop
Raffaello Bookshop

Il negozio online per acquistare tutti i nostri libri


Vai su Raffaello Bookshop
Raffaello Formazione Raffaello Formazione
Raffaello Formazione

Laboratorio di idee per rendere protagonisti i docenti


Vai su Raffaello Formazione
Be Happy Be Happy
Be Happy

Be Happy - Felici di crescere


Vai su Be Happy
Musica, maestro! L’importanza delle canzoni nell’apprendimento della lingua inglese

Musica, maestro! L’importanza delle canzoni nell’apprendimento della lingua inglese

Una prima autonomia linguistica in inglese può essere sviluppata tramite l’ascolto del suono, del ritmo e della musica, che costituiscono componenti essenziali e sempre presenti nella quotidianità del bambino, sin dalla nascita. I bambini, sin dai primi giorni di vita, infatti, si addormentano al suono di ninne nanne e imparano le prime parole at­traverso filastrocche.

Anche dal punto di vista dell’apprendimento linguistico in giovane età, le canzoncine e le filastrocche rivestono un ruolo importante poiché, oltre a favorire la motivazione all’apprendimento della lingua straniera, in un clima positivo e significativo, favoriscono l’apprendimento di lessico, strutture e chunks linguistici attraverso il ritmo.

L’USO DELLA CANZONE DURANTE LA LEZIONE DI INGLESE

Nell’insegnamento della lingua straniera l’utilizzo di canzoncine, filastrocche e chants si presta sia come strumento didattico finalizzato all’apprendimento di lessico e strut­ture, sia come strumento per spezzare il ritmo quando l’atmosfera in classe risulta un po’ fiacca o in seguito a un’attività in cui è richiesto un alto grado di coinvolgimento da parte degli alunni.

L’utilizzo di canzoncine, filastrocche e chants offre, inoltre, un’occasione piacevole e gra­dita per il consolidamento, attraverso il meccanismo della ripetizione, e per il ripasso di lessico e strutture note, nell’ambito delle attività di routine, warm up o al termine di una lezione.

Canzoncine, filastrocche e chants sono anche una valida opportunità per venire a contat­to con la cultura inglese e per contestualizzare l’apprendimento linguistico.

L’attività corale favorisce la socializzazione all’interno del gruppo classe e l’integrazione di tutti i soggetti. Favorisce anche il coinvolgimento e l’inclusione di quei bambini più emotivi o di chi non si sente pienamente a suo agio nel prendere parte ad attività di tipo ludico.

È quindi importante che l’insegnante non forzi i bambini a partecipare all’attività e lasci la possibilità di gestire a ciascuno le proprie emozioni.

L’attività, anche nel caso di quei bambini che non si lasciano coinvolgere subito, risulterà comunque positiva perché darà loro modo di avvicinarsi, anche se indirettamente, ai suoni e ritmi della lingua.

Quanto è importante associare movimenti alle canzoni?

La musica abbinata alla psicomotricità può risultare utile per rinforzare il processo di memorizzazione e quindi accelerare l’acquisizione di una lingua straniera.

head and shoulders

È importante che il coinvolgimento dei bambini avvenga su un piano multisensoriale, è quindi necessario associare parola e movimento: questo approccio, il TPR (Total Physical Response), agevola i transfer alla lingua parlata e facilita la costruzione graduale della memoria a lungo temine.

I suoni della parola sono veicoli di significato che la gestualità può accentuare e fissare nei processi di memorizzazione.  

È sicuramente indispensabile sfruttare questo importante canale di comunicazione che è il suono e associarlo il più possibile, nel corso dell’attività musicale, al gesto creando così anche un clima di allegra partecipazione che favorisca la motivazione e la ricettività all’apprendimento della lingua.

Che caratteristiche devono avere le canzoni nei testi di inglese?

Le action songs, per fun­zionare come veicoli di presenta­zione linguistica, “contenitori” di campi lessicali, di funzioni e di strutture da imparare, devono avere caratteristiche specifiche.

Devono, innanzitutto, essere costruite su un motivo facile da ricordare, essere orecchiabili e ritmate, con arrangiamenti musi­cali semplici e moderni e devono contenere il lessico e le strutture che si vogliono trasmettere.

Attraverso l’apprendimento del­la canzone, il testo viene fissato nella memoria di ogni bambino.

Queste canzoni si devono prestare a essere smontate, rimontate e variate a seconda delle esigenze creative dei bambini e ai fini dell’apprendimento di strutture linguistiche e di nuovi vocaboli.

Le canzoni didattiche sono uno strumento molto motivante che si estende ai livelli di acquisizione e padronanza linguistica, compresa la capacità di pronunciare e, per i bambini più grandi, di scrivere in modo corretto.

ALCUNI SUGGERIMENTI PER L’USO DELLE CHANTS E DELLE SONGS

  • In una prima fase è opportuno che i bambini non vedano o leggano il testo della canzone, ma che si concentrino sull’ascolto dei suoni e dei ritmi della lingua.
  • Accompagnate l’ascolto con gesti, immagini, oggetti o pupazzi, al fine di favorire la com­prensione del testo, senza ricorrere alla traduzione in L1.
  • Successivamente, invitate gli alunni ad ascoltare di nuovo la canzone e a imitare i gesti o indicare le immagini utilizzate.
  • Nelle esecuzioni successive smettete di fare i gesti lasciando che gli alunni si muovano da soli. Una volta avviata l’attività lasciateli cantare da soli, così da favorire la loro autonomia espressiva. È un momento importante in cui i bambini acquisiscono la canzone per loro stessi. La canzone diventa la “loro canzone”.
  • L’atto di cantare in coro, già fortemente motivante in se stesso, favorirà la corretta pro­nuncia e intonazione, mentre le parole in rima creeranno ulteriori agganci nella memoria degli alunni.
  • In caso di canzoni o filastrocche in cui compaia un testo di una certa lunghezza è possibile facilitarne la memorizzazione attraverso la ripetizione di segmenti di testo e di sequenze via via più lunghe.
  • Passate poi alla fase della contestualizzazione del lessico e delle strutture attraverso attività sul testo, come il riordino di immagini che illustrano la canzoncina, o di porzioni di testo op­portunamente mischiate, oppure abbinamenti di lessico e immagini, di frasi e immagini.

PERCORSI INTERDISCIPLINARI CON CANZONI E FILASTROCCHE

Una canzoncina o una filastrocca può anche essere utilizzata come input linguistico per l’avvio di un percorso interdisciplinare.

Per rendere l’attività funzionale alla trasmissione o al rinforzo di contenuti linguistici sce­gliete accuratamente il materiale da proporre alla classe, adattandolo anche ai gusti musi­cali dei bambini e valutate attentamente i prerequisiti necessari e il grado di difficoltà e di pertinenza di tale materiale agli obiettivi linguistici.

Filastrocche, canzoncine, chants e action songs risultano, quindi, essere strumenti insosti­tuibili nella didattica della L2: l’ascolto e la ripetizione di una canzone in lingua inglese non sono solo importanti per l’acquisizione della pronuncia e dell’intonazione, ma rappresentano anche, per il bambino, un momento importante di scoperta di una specifica cultura, che si manifesta nella particolarità del ritmo e della cadenza della frase.

A questo punto, non ci resta che schiacciare PLAY!

Buona lezione di inglese e... musica, maestro!

Clicca e scopri Story Lane

Story Lane

Articoli correlati

Raffaello Libri S.p.A. | Sede Legale: Via dell'Industria, 21 - 60037 Monte San Vito (AN) | C.F. e P.IVA 01479570424 | R.I. Ancona | REA AN-145310 | Capitale Sociale: €1.000.000,00 i.v.

Privacy Policy Cookie Policy