fbpx
Celtic Publishing Celtic Publishing
Celtic Publishing

Marchio specializzato nelle lingue straniere


Vai su Celtic Publishing
Il Mulino a Vento Il Mulino a Vento
Il Mulino a Vento

Collana di narrativa scolastica di grande prestigio


Vai su Il Mulino a Vento
Raffaello Ragazzi Raffaello Ragazzi
Raffaello Ragazzi

Libri attivi, cartonati d’autore e romanzi


Vai su Raffaello Ragazzi
Raffaello Digitale Raffaello Digitale
Raffaello Digitale

Prodotti interattivi e multimediale per la scuola


Vai su Raffaello Digitale
Raffaello Bookshop Raffaello Bookshop
Raffaello Bookshop

Il negozio online per acquistare tutti i nostri libri


Vai su Raffaello Bookshop
Raffaello Formazione Raffaello Formazione
Raffaello Formazione

Laboratorio di idee per rendere protagonisti i docenti


Vai su Raffaello Formazione
Be Happy Be Happy
Be Happy

Be Happy - Felici di crescere


Vai su Be Happy
Conosciamo il pittore Raffaello Sanzio attraverso le sue opere: la Fornarina

Conosciamo il pittore Raffaello Sanzio attraverso le sue opere: la Fornarina

L’amore e il mistero, la storia e la leggenda, i temi e le suggestioni.

 la fornarina

 La Fornarina, 1520 circa, olio su tavola, cm 87 x 63, Palazzo Barberini, Roma

 

La grande mostra dedicata a Raffaello Sanzio (1520-1483), organizzata a Roma dalle Scuderie del Quirinale in occasione del V centenario dalla morte dell’artista, dal 2 giugno è di nuovo visitabile, aperta fino al 30 agosto 2020.

Tralasciando le visite online, pochi finora hanno potuto ammirare i capolavori del genio urbinate in un contesto di così alto valore culturale.

L’opera che per la sua celebrità e il suo valore è unanimemente ritenuta icona della mostra è “La Fornarina”, il dipinto che più di ogni altro avvicina alla dimensione intima di Raffaello, alla sfera dei suoi sentimenti, al canto dell’amore.

Chi è la donna ritratta da Raffaello?

Per molti una giovane bellissima che Raffaello notò ad una finestra, intenta a pettinarsi i capelli mentre sostava nella zona del Lungo Tevere, non lontano da Villa Farnesina dove lavorava alla realizzazione degli affreschi della villa di Agostino Chigi. L’amore fiorì proprio negli ambienti della grandiosa residenza del ricchissimo e potente banchiere, amico e committente di Raffaello, e la giovane donna divenne la musa ispiratrice e la modella delle opere dell’artista.

Le notizie biografiche rimandano, pur con delle approssimazioni, a Margherita Luti, figlia di Francesco, fornaio. Gli interrogativi possibili hanno contemplato la figlia del fornaio ma anche una cortigiana o prostituta.

Certo è che nel corso dei secoli La Fornarina è diventata l’immagine della donna amata da Raffaello di un amore incondizionato, dolce a appassionato.

“Qui abitò colei che fu amata da Raffaello Sanzio”, questa la scritta che può essere letta sulle mura di una casa in via del Governo Vecchio, a ricordo o testimonianza di un amore profondamente corrisposto che vide Margherita fedele oltre la morte dell’artista, tanto da ritirasi, per il resto dei suoi giorni, nel convento di Sant’Apollonia.

Il ritratto fu dipinto tra il 1518 e il 1519, poco prima della morte dell’artista, non ha committente e questo ha fatto considerare come vero il fatto che Raffaello l’abbia dipinto per sé.

Romanticismo e sensualità si fondono magicamente in un dipinto che esalta una bellezza reale, resa con i tratti decisi e al tempo stesso teneri, gli occhi scuri, la pelle candida, le forme morbide. Secondo modelli della statuaria classica, la donna appare come dea dell’amore, con gesti che sembrano nascondere e al tempo stesso svelare.  Pudore o impertinenza? Sicuramente fascino intrigante.

Dettaglio significativo il bracciale che avvolge il braccio sinistro sul quale può essere letta la firma dell’autore “Raphael Urbinas”, sicuramente un pegno d’amore.

Sullo sfondo del ritratto, quasi a dare risalto ai lineamenti della figura, il cespuglio di mirto e il ramo di melo cotogno, simboli di fertilità.

Altro dettaglio carico di significato la perla che rende preziosa l’acconciatura di Margherita e che, nella lingua latina, è denominata ”margarita”. Quale omaggio più raffinato di un amante alla sua donna?

la fornarina dettaglio

A “La Fornarina” si sono ispirati artisti dei vari generi, dal teatro, alla musica, alla letteratura, che hanno proposto al pubblico, nello svolgersi dei secoli, la lettura e la rilettura di un’opera sempre da esplorare, per cercare di rendere o di cogliere l’amore e il mistero, la storia e la leggenda, i temi e le suggestioni con cui  Raffaello sa parlare agli uomini di ogni tempo.

Dopo cinquecento anni questo ritratto continua a suscitare ammirazione e noi continuiamo a lasciarci incantare dallo sguardo pieno di fascino della donna che Raffaello ha reso immortale.

Dedichiamo a Raffaello e alla sua amata Fornarina questi versi:

Ti faccio spazio dentro di me,
in questo incrocio di sguardi
che riassume milioni di attimi e di parole.
(Pablo Neruda)

 

la fornarina volto

 

la fornarina museo

 

la fornarina cornice

Articoli correlati

Raffaello Libri S.p.A. | Sede Legale: Via dell'Industria, 21 - 60037 Monte San Vito (AN) | C.F. e P.IVA 01479570424 | R.I. Ancona | REA AN-145310 | Capitale Sociale: €1.000.000,00 i.v.

Privacy Policy Cookie Policy